Come diventare freelance usando al meglio il tuo tempo

storie di freelance che ce l'hanno fatta

Sei stufo anche tu del mondo reale e vuoi diventare un freelance online?

Fantastico! Sei nel posto giusto.
Infatti questo post è proprio dedicato alle persone come te che, per esempio, pensano di:

  • Essere brave a fare grafica o di essere dei web designer in gamba
  • Sanno programmare o sviluppare app per tablet e smartphone
  • Conoscono le lingue e vogliono dedicarsi a traduzioni o fare l’assistente virtuale

Ascoltami bene, però.

Qualunque dote tu abbia, prima di gettarti a capofitto nel mondo del web per crearti un mercato e sperare di ottenere facilmente e rapidamente i soldi che pensi di valere… leggi con attenzione questo articolo e guarda le interviste che ho realizzato con dei freelance online che, dopo tanti sforzi, ce l’hanno fatta.

In questo modo non solo imparerai i trucchi e le strategie più efficaci da applicare al tuo settore, ma soprattutto conoscerai i passi falsi da evitare se non vuoi perdere tempo, soldi o scegliere la strada sbagliata.

  • Nando Pappalardo
  • Anna Ferrari
  • Johnatan Pochini
  • Francesca Di Pietro
  • FioreIIa FaIomi

Nando Pappalardo: il pioniere italiano dei template per wordpress

Lui è uno di quelli “arrivati” (anche se non si definisce tale), perché ha guadagnato oltre 1 milione di euro vendendo template per wordpress.

Eppure non è tutto oro quello che luccica:

  • ci sono fattori imprevedibili e circostanze più o meno favorevoli
  • il settore che scegli non è detto che sia fruttifero sempre e comunque
  • e quando c’è troppa concorrenza i problemi aumentano esponenzialmente

Se sei davvero pronto a fare il grande passo, investendo tempo e risorse (che non vedrai più) in un progetto sul web che non ha futuro, ascolta con attenzione la storia di Nando e cerca di applicarla al tuo contesto ed al tuo settore.

Molti infatti dei suggerimenti e delle esperienze che ha condiviso nell’intervista qui sotto sono universali e atemporali: devi solo fare lo sforzo di trasferirli alla tua situazione, al tuo lavoro e alla professione in cui pensi di eccellere.

Non fare questa attenta analisi PRIMA di entrare in gioco è quasi certamente sinonimo di sconfitta, soldi buttati e tanta, tanta frustrazione. Che potrai facilmente evitarti se:

  1. ti prendi qualche appunto critico
  2. ti fai le domande che si fece anche Nando
  3. ti ricavi qualche giorno almeno per approfondire e trovare le risposte migliori possibili

Di cosa abbiamo parlato con Nando

  • Qual è stata veramente la causa #1 del suo successo
  • 3 indicazioni per scegliere il tema ideale con WordPress (senza perdere tempo a sfogliarne migliaia)
  • I consigli per chi sviluppa temi e vuole “scalare” il business
  • Come organizza la sua giornata per essere produttivo e coordinare al meglio il suo team
  • Quali elementi non devono mancare in un tema wordpress, specie nella homepage
  • Cosa rifarebbe in modo diverso ora, rispetto a 5 anni prima, per avere un business più solido o ampio
  • Come è uscito dai momenti di crisi e cosa deve fare un imprenditore quando si trova in difficoltà
  • Quali prospettive ci sono per chi lavora nel mondo della grafica web (e nel web in generale)

Alcune risorse consigliate

Template e plugin per WordPress
Prodotti formativi sul web design
Portfolio di temi per WordPress in vendita su ThemeForest

(libro) La tecnica del pomodoro
(libro) 4 ore alla settimana
(libro) dalla collana L’One Minute Manager: Insegna a delegare

Dove trovare Nando Pappalardo sul web

Blog | Sito | Seminario WP Days

 

Anna Ferrari: ha aumentato del 412% la sua paga facendo da assistente e traduttrice italiano-inglese per grandi aziende

anna ferrari freelance traduttoreAnna Ferrari ha iniziato esattamente 2 anni fa la sua ‘carriera’ su oDesk e altre piattaforme accumulando:

  • 43 clienti diversi da ogni parte del mondo (USA, Italia, UK, Danimarca, Giappone, Cina, Australia, Brasile, Russia, Grecia i principali), 17 di questi sono clienti ‘di ritorno’ – ovvero hanno aperto più di un contratto, contattandola spesso dopo mesi dalla chiusura del precedente.
  • 2210 ore lavorative (che provengono unicamente dai contratti ‘hourly’) e qualche altro centinaio di ore (che provengono da contratti ‘fixed’)
  • almeno 8 clienti con cui lavora (o ha lavorato) hanno un team di ‘assistenti virtuali’ (per lo più esperti di lingue straniere) che variano da un minimo di 2 ad un massimo di 2500, con cui ha avuto modo di collaborare tramite svariati sistemi telematici amministrati in remoto dal cliente.
LEGGI ANCHE  Passaparola: il modo più rapido e sicuro per trovare Clienti qualificati a costo zero e in poco tempo

Questo solo per farti capire che stiamo intervistando qualcuno che sa esattamente quello di cui parla ?

Ecco la trascrizione integrale dell’intervista a cura di Susanna di ActiveAndVirtual.it.

Come contattare Anna Ferrari

Se vuoi contattare Anna la trovi direttamente su oDesk/Upwork oppure via mail o LinkedIn.

 

Jonathan Pochini: esperto di SEO e nomade digitale

In questa intervista a Jonathan Pochini abbiamo parlato di:

  • Come abbassare il costo di mantenimento della propria vita, per poi seguire le passioni o famiglia (grazie al nomadismo digitale)
  • Come sentirsi responsabile dei clienti, non deluderli
  • Perché è fondamentale filtrare a monte le richieste
  • Come è diventato freelance “adagio con cuscino
  • Perché non fa preventivi e cosa succede ai clienti
  • Cosa è la rule of thumb del 30%? A cosa dovresti destinare il 30% del tuo tempo?

Dove trovare e come contattare Jonathan Pochini

Facebook | Twitter | Blog

 

Francesca Di Pietro: Come Bilanciare Passione e Lavoro senza impazzire

Classe ’80, Psicologa Sociale, laureata alla Sapienza di Roma, ed instancabile viaggiatrice.

Ad aprile 2012 fonda ViaggiaredaSoli.net, un portale dedicato a tutti quelli che amano viaggiare da soli o che vorrebbero iniziare a farlo.
Ha sempre visto il viaggio in solitaria con un’angolazione psicologica, come momento di crescita, adatto ad un percorso di grande impatto emotivo.

Contemporaneamente ha iniziato a studiare il legame esistente tra la personalità dei viaggiatori e il mondo del turismo,sperimentando degli strumenti nuovi da integrare nel marketing turistico.

Nel Febbraio 2014 ha aperto insieme ad altri 3 soci bloggerTBnet il primo network di Travel Blogger Italiani e, per non farsi mancare niente, ora è la responsabile, insieme a Matteo Pennacchi, del Travel Massive Roma il più grande meet up mondiale sul turismo.

Di cosa abbiamo parlato

Francesca mi ha svelato il suo metodo per gestire il tempo e creare un progetto vincente.

  1. Non avere paura di dare un prezzo al tuo tempo. Il tempo è monetizzabile e anche se fai una cosa che ti piace, è giusto che tu venga pagato. Non sottostimarti.
  2. Gestire il tempo è fondamentale perché permette di avere equilibrio tra vita lavorativa e passioni. Le priorità devono cambiare. Adesso per Francesca la priorità è fare quello che le piace. Per non perdersi in tutto ciò bisogna pianificare bene le attività.
  3. Scegli solo le cose più remunerative e delega quelle che ti fanno perdere tempo e rendono poco.
  4. Se hai un blog, pianifica i contenuti. Francesca all’inizio non pianificava nulla e procedeva nel caos. Adesso ha un piano editoriale a cadenza settimanale. Pubblica 3 volte a settimana e organizza i contenuti con anticipo. Sui social ha invece un’uscita al giorno.
  5. Fai uno studio sul tuo audience per capire quando è più ricettivo e poi crea in chi ti segue un’abitudine. Francesca ha capito che il suo pubblico la legge principalmente al mattino, per cui pubblica sul sito alle 6 e su facebook alle 8.
  6. Usa degli strumenti per la pianificazione. Francesca, pur avendo buona memoria, sconsiglia di tenere tutto a mente. Lei usa la app To do facendosi avvisare con degli allarmi sulle scadenze.
  7. Fai una lista delle info che ti interessano e poi dedica un momento specifico della giornata allo studio. Francesca cerca gli argomenti e le storie che le interessanto e poi legge all’ora di pranzo.
  8. Gestisci le distrazioni. L’ideale sarebbe staccare la spina dal mondo quando devi concentrarti molto.
  9. Se hai un blog e viaggi molto, esci dalla mentalità rigida dell’orario di lavoro. Francesca è spesso in viaggio, ma ha come punto di riferimento l’orario italiano. Lei sa che deve lavorare un tot di ore al giorno e spezza l’orario lavorativo coniugandolo con il viaggio. Di solito ha rivelato che ama lavorare al mattino e di sera.
  10. Delega quello che non ti piace o che non sai fare. Francesca ad esempio ha un’assistente che la aiuta come tecnico informatico.
LEGGI ANCHE  Come creare una campagna Facebook Ads in poco tempo

Come contattare Francesca Di Pietro

Sito di Francesca – ViaggiareDaSoli.net – Pagina Facebook – LinkedIn

 

FioreIIa FaIomi: Assistente virtuale per professionisti e infomarketer

Ecco cosa ti rivelerà un’Assistente Virtuale italiana in questa intervista:

  • Gli strumenti più efficaci per condividere il lavoro su internet ed avere i progetti sempre sotto controllo
  • Il modo migliore per comunicare i compiti ed evitare di buttare tempo prezioso e tanto denaro
  • I 3 Errori fatali che incrinano un rapporto di collaborazione e minacciano la tua reputazione online
  • La differenza fondamentale tra un dipendente reale e uno virtuale
  • Quale è l’ingrediente fondamentale per gestire con profitto una relazione online

 

Ecco su cosa devi concentrarti se vuoi diventare un freelance online di successo (e in poco tempo)

  • 1

    "In poco tempo" è solo una grande balla

    che ti vendono i marketer truffaldini.Esistono invece impegno, disciplina, costanza uniti a una buona dose di culo e tempismo. Devi puntare a crearti una strategia differenziante evidente e facilmente memorizzabile, perché sul web la concorrenza è ancora più spietata che nel mondo reale.

  • 2

    Il marketing è tutto

    Saper fare bene qualcosa, soprattutto online, non conta molto se poi non riesci a vendere i tuoi servizi senza svaccare sul prezzo. Ecco perché è fondamentale investire in pubblicità, marketing e comunicazione per veicolare il tuo messaggio al pubblico che vuoi avere come cliente, trascurando tutti gli altri.

  • 3

    Il Tempo è la tua risorsa più importante

    Devi imparare a gestire il tempo e organizzare in modo preciso il tuo calendario, altrimenti rischi di finire risucchiato nel vortice dei social media e degli impegni che arrivano dalle urgenze altrui. I freelance di successo pongono grande attenzione sul rispetto dei loro tempi e delle loro condizioni, non si dedicano a quello che non è allineato con la loro visione/brand e imparano a dire tanti NO.

Ho una domanda finale per te

Visto che vuoi diventare un freelance online, se avessi l’opportunità di avere un super-esperto a cui chiedere “il consiglio della vita” su come avere successo come professionista del web, cosa gli domanderesti?

Io, per esempio, come farmi scegliere quando nessuno mi conosce e senza dover fare prezzi stracciati.

Attendo la tua 😉

scopri quanto vale 1 ora di lavoro

Post Consigliati

Alessio Beltrami – Come scrivere un libro di... Oggi ho intervistato Alessio Beltrami. Si occupa di comunicazione e marketing da 15 anni. Prima nell’ambito musicale, occupandosi della promozione di eventi e progetti discografici. Col tempo, la p...
Alessio Semoli – Come essere molto ZEN nell&... Alessio Semoli e' un felice padre di 4 figli che crede fermamente in un risveglio della consapevolezza dell'umanità per offrire alle future generazioni prosperità. Si occupa di Web da sempre, sin d...
Stefano Mini – Come capire quanto Vale esatt... Oggi ho intervistato Stefano Mini, amministratore di Mindcheats.net. E' un imprenditore online e vive in Spagna. Ha aperto il suo blog nel 2010 e dal 2013 questo è il suo lavoro a tempo pieno. Con ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *