3 Ottimi Motivi per Rimandare ogni Decisione

rimandare le decisioni

Quante volte, fin da quando eri piccolo, ti hanno detto “mai rimandare a domani quello che puoi fare oggi?”.

Probabilmente allo sfinimento. I genitori sono dei maestri in questa specie di ipnosi collettiva che inizia appena impariamo a parlare e non ci abbandona più. Rimandare decisioni è una specie di peccato originale che ci macchia indelebilmente per tutta la vita.

Anche mi madre e mio nonno mi hanno ripetuto per anni questo concetto, con le migliori intenzioni e pensando di darmi un insegnamento duraturo e di altissimo valore.

Tuttavia, col senno di poi, devo ammettere che fare le cose subito ha anche degli aspetti negativi non trascurabili.

Perché fare tutto e subito è un problema

Ci sono almeno 3+1 buone ragioni per cui, se devi svolgere un compito, farlo immediatamente (o quasi) non è molto intelligente:

  1. Interrompe il tuo stato di flusso. Anche tu, infatti, avrai dei momenti creativi, altamente produttivi, di grande concentrazione, in cui diventi un piccolo Re Mida e trasformi in oro tutto quello su cui metti le mani.
    Bloccarti in questi frangenti per fare qualcosa che, per giunta, ti fa pure schifo, non è per niente una buona idea. Meglio rimandare quindi.
  2. Se l’attività da fare non è tanto semplice da essere considerata “no brain” (quindi non devi pensare minimamente a come svolgerla) mettersi a svolgere qualcosa di scollegato è un vero disastro produttivo: si finisce con l’aprire delle parentesi continue, dato che non si hanno probabilmente tutte le informazioni a disposizione per concludere il compito rapidamente ed in modo ineccepibile.
    Meglio quindi raccogliere prima tutte le informazioni e posticipare l’esecuzione solo a quando sarai veramente pronto per svolgere l’attività al 100%.
  3. Alcuni compiti possono essere facilmente raggruppati in quanto della stessa tipologia: penso alla sistemazione delle fatture, delle spese, al controllo dei pagamenti… Per quanto possano essere urgenti cercare di unire in un unico spazio temporale omogeneo è molto meglio. Infatti il software che userai sarà lo stesso, gli spazi fisici i medesimi e persino la tua mente dovrà processare informazioni simili, evitando di saltare di palo in frasca, da un argomento ad un altro.
    Il multitasking, come hanno dimostrato tutti gli studi più recenti, solo raramente è un vantaggio. E questa non è una delle eccezioni.

Tuttavia la mia ragione preferita è questa:

Rimandare un’attività, soprattutto se lo fai in modo seriale e per più giorni di fila, può significare solo che:

  • è un’attività che è talmente importante (ma difficile) che devi trovare un modo più intelligente per metterla in atto; perché se non lo fai mai il tuo business potrebbe risentirne in modo critico
  • è un compito talmente schifoso e odioso che il tuo subconscio, giustamente, ti dice “non farlo… è per la tua salute mentale”; quindi devi solo trovare un modo più intelligente per
    • non farlo tu,
    • non farlo proprio
    • non farlo adesso ma trovando una data da dedicare (v. punto 2) alle sole attività spazzatura

Succede anche nelle migliori famiglie

Personalmente, fino a quando non avrò un maggiordomo a disposizione, ci sono alcuni compiti casalinghi che mi trovo costretto a fare. Per esempio sistemare il garage, pulire i balconi, imbiancare, andare in discarica…

LEGGI ANCHE  Questo libro per bambini mi ha letteralmente stregato...

Molti li considero “no brain”, tuttavia richiedono spesso una fase preparativa, di avere gli strumenti e gli ingredienti utili e pronti per essere portati a termine senza doversi interrompere per andare al Brico a comprare i pezzi che mancano (come spesso è accaduto in passato).

Quindi, cercando di mettere a tacere le comprensibili lamentele di mia moglie Manuela, del tipo:

  • non fai niente per la casa
  • devo sempre chiederti le cose 10 volte prima che le fai
  • è da 3 mesi che ti dico di fare quella cosa

ho raggiunto la condizione quasi-ideale per cui dedico delle 1/2 giornate solo a questo tipo di incombenze super-pallose e che, purtroppo, devo fare io e nessun altro.

In aggiunta ho trovato che posso rendere il lavoro ingrato molto più piacevole se cambio il contesto in cui lavoro. Per esempio ascolto della musica, dei corsi di formazione o dei podcast.

Così, mentre le mani riordinano il garage, la testa (siccome è un lavoro “no brain”) è sgombra e può dedicarsi ad altro.

Sembra l’uovo di Colombo, ma ti assicuro che, facendo in questo modo, i pomeriggi passano molto rapidamente ed in modo molto più proficuo. Con buona pace di mia moglie che si lamenta un po’ meno.

sistemare il garage

Cosa puoi fare tu quando hai attività simili da portare a termine

  1. Chiediti se è un compito critico per il tuo business oppure solo odioso
    • Se è critico prova a dividerlo in sotto-compiti per renderlo più fattibile e alla tua portata
    • Se solo odioso, cerca di delegarlo a qualcuno oppure di accorparlo con compiti simili
  2. Dedica delle 1/2 giornate a svolgere attività dello stesso tipo, possibilmente “no brain”, e (se ti è possibile) alleviando il peso con della musica, ascoltando la radio o la tv… qualunque cosa ti allevi il peso di dover portare a termine questi compiti
  3. Prova anche, specie se si tratta di attività ad alto valore aggiunto, a svolgerle in un contesto differente, fuori dal posto di lavoro tradizionale, così che il tuo subconscio si abitui ad associare il nuovo contesto a quel tipo di attività specifica. A volte basta girarsi dall’altra parte della scrivania o usare una sedia differente (io, quando lavoro da casa, faccio proprio così).

E, soprattutto, presta attenzione alla tua vocina interna, quella che ti avverte se stai rimandando solo perché è difficile ma utile, o facile ma inutile e non affatto gratificante.

A quel punto rimandare strategicamente un’attività diventerà quasi un gioco.

Tutte le volte in cui, invece, dovrai svolgere un compito tosto e critico, e quindi ti trovi bloccato e pronto a trovare ogni genere di scusa per non farlo, puoi mettere in pratica uno dei 7 rimedi anti-rimandite di cui parlo nel mio libro “I Segreti militari per Gestire il tuo Tempo come un Sergente istruttore” (il capitolo 13 è quello che fa al caso tuo).

LEGGI ANCHE  (SVELATA) La psicologia perversa di chi Rimanda in eterno ed è sempre Stressato

Lì troverai 7 semplici trucchi per ingannare la tua mente e metterti in moto immediatamente, con una facilità che ti lascerà stupito a chiederti “ma bastava solo quello?”. Sì, a volte è proprio così.

Io sono sempre stato un procrastinatore seriale (e la mia indole è ancora quella, quindi ti capisco molto bene), ma da quando ho scoperto e metto costantemente in pratica 2 o 3 dei suggerimenti che trovi qui, devo ammettere che la quantità e la qualità del mio lavoro è migliorata moltissimo.

E persino mia moglie ha (quasi) smesso di lamentarsi 🙂

Ora fatti un regalo perché te lo meriti

Smettila di pensare che sia tutto un dovere e che non ci siano altre soluzioni. Ci sono solo scelte, che a volte sono un po’ obbligate perché non abbiamo ancora collaboratori o abbastanza soldi per un aiutante esterno.

Tuttavia puoi trovare anche tu un modo più intelligente per organizzarti, pianificare, accorpare o eliminare del tutto dalla tua vita qualche attività che odi.

Chiediti profondamente “la faccio solo per non sentire più Tizio/Tizia lamentarsi oppure perchè ha un significato più profondo?”

Quasi sempre la risposta giusta è la prima. In questo caso fatti un pieno di autostima, riconosci che stai solo cercando di compiacere qualcuno altro e, se proprio devi farlo, almeno fallo alle tue condizioni e nel modo che preferisci.

Cornuto sì, ma non mazziato fino in fondo 😉

Dacci dentro, avrai successo.

Davide

Post Consigliati

Repeated Bout Effect: perché “smetti di migl... Se hai mai preso un paio di settimane di riposo dall’esercizio fisico e poi effettuato un faticoso allenamento, puoi capire quello che sto per dirti. Quel primo allenamento di ritorno da una lunga ...
Questo libro per bambini mi ha letteralmente streg... Per un libro comprato quasi per errore è una bella botta di culo, vero? La realtà è un pelino diversa... Stavo guardando alcuni video su YouTube a proposito di "rimandite" e mi sono imbattuto i...
Ecco perché la Curiosità è la causa #1 dei Fallime... Domani partirò di nuovo per le vacanze. Me ne andrò in montagna stavolta: destinazione Aprica - Valtellina (SO) E vorrei portarmi un ricordo di te su cui riflettere Starò in una piccola c...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *