Studio Shock: 30 ore alla settimana per controllare l’email

quanto tempo si passa controllando la posta elettronica

È decisamente grossa e anche un bel po’ imbarazzante… 30 ore alla settimana è il “tempo perso” speso da un lavoratore americano medio (che non credo sia molto diverso da un italiano medio, a parte che a noi piace il calcio e a lui il baseball) per controllare la posta elettronica.

Non lo dico io, ma questo studio di Adobe (quelli di Photoshop, Flash e Acrobat, per intenderci) del 2015.

Ovviamente è una media dei polli.

Ovviamente molto dipende dal tuo lavoro/ruolo specifico.

Ovviamente puoi anche viverci di email.

Il dato è grosso e PREOCCUPANTE

Più di 1 giorno alla settimana.

Più del tempo che puoi passare coi tuoi figli.

Più delle ore di sesso con tua moglie o marito.

Perfino più del tempo che potresti spendere a far bisboccia con i tuoi amici tra birra, salsicce e una partita di Champions.

Il peggio però deve ancora arrivare; infatti lo studio:

  • parla di tempo dedicato a “controllare” la mail, non a rispondere o a scriverne di nuove
  • non sfiora nemmeno il tema “social media” e relativo cazzeggio selvaggio alla faccia dell’imprenditore che paga qualcuno per controllare Facebook, Instagram, Whatsapp, YouTube e Snapchat.

Quindi, che tu sia un dipendente serio, un imprenditore o un libero professionista…

capire come usare al meglio la POSTA ELETTRONICA è un obbligo morale

nei confronti di te stesso, della tua azienda e di tutte le persone che stai privando della tua compagnia.

Oltre che un’emergenza economica senza precedenti e che va immediatamente gestita con tutte le tue forze.

C’è troppa roba nel piatto…

30 ore di lavoro sono quasi una settimana di lavoro.

Vuoi davvero che un tuo dipendente o collaboratore ne dedichi solo 10 a “produrre realmente” e 30 a gestire le mail?

Ma ti sembra una roba normale?

Fossero anche 15 o 20 ore sarebbero lo stesso uno sproposito

Quelli di Confindustria dovrebbero scendere in piazza con l’hashtag #bastamail…

Tu però non hai bisogno di fare proteste o unirti a cortei di black block che danno l’assalto a Outlook o GMail; ti basta cliccare qui e partecipare a questo EVENTO ONLINE gratuito in cui ti rivelo

3 semplici cose da fare per rimettere la tua email
(e dei tuoi dipendenti) sotto controllo

Fallo subito perché ogni settimana che passa senza risolverlo:

  • o stai pagando qualcuno per controllare la posta elettronica (e ovviamente c’è un modo migliore di occupare il tempo)
  • o stai buttando il tuo di tempo (e impedendo al tuo business di crescere come dovrebbe)

quanto tempo si perde con email in azienda

È davvero di una semplicità sconvolgente e la risposta la puoi ottenere in 1 secondo netto con una calcolatrice del 15/18 sottomano.

Sei pronto?

Ecco i “3 numeri del peccato digitale

UNO – Quanti giorni all’anno apri il computer/smartphone?
DUE – Per quante ore al giorno tieni aperto GMail, Outlook o roba simile (Un recente studio parlava di ben 30 alla settimana) 3, 4, 5?
TRE – Quanto vale oggi 1 ora del tuo tempo o, peggio ancora, di quello dei tuoi collaboratori/dipendenti? (Suggerimento: se non lo sai hai un problema ancora più grosso della posta elettronica)

LEGGI ANCHE  Come creare una campagna Facebook Ads in poco tempo

Adesso moltiplicali: giorni x ore x euro

Ti butto lì dei numeri non poi così a casaccio…

200 x 3 x 10 = 6.000 Euro

Sì, hai letto bene.

Stai pagando ben 6 mila euro all’anno per gestire la posta elettronica!

Naturalmente considera che il tuo tempo (o quello dei tuoi dipendenti) vale o costa molto più di 10 miseri euro all’ora, giusto no?

Quindi la stima di cui sopra è per difetto e andrebbe aumentata decisamente.

Fermo. Non è finita ancora.
Ecco che arriva la mazzata finale (domanda peggiore)…

Che succede se di collaboratori ne hai più di uno?

Sei disposto a buttare tutte questo tempo così prezioso e costoso solo per “controllare” la posta elettronica?

EHI… Ti ricordo che lo studio parlava di “controllare” e non includeva il dramma dei social media…

Se ci tieni davvero a risparmiare migliaia di euro all’anno oltre che centinaia di ore del tuo tempo e dei tuoi dipendenti, partecipa anche tu (e manda pure loro) a questo seminario online gratuito su

come dominare la posta elettronica e recuperare ore preziose di lavoro

È 100% gratuito e dura circa 60 minuti.

I clienti mi chiedono sempre: vorrei avere più tempo

Iniziare a ridurre quello buttato nel gabinetto (e per giunta profumatamente pagato) per gestire la posta elettronica è ovviamente – e non c’è bisogno che te lo dica – il modo migliore, non trovi?

  • Quanti progetti ha abbandonato perché non avevi il tempo di seguirli?
  • Quante opportunità hai perso per non avevi il tempo di studiarle meglio?
  • Quanti clienti hai perso (o non sei riuscito a prendere) perché ti serviva più tempo per gestirli come avresti voluto?
  • Quante sere ti sei dovuto fermare in ufficio fino a tardi per tirarti alla pari?
  • Quanti straordinari hai dovuto pagare perché erano rimaste pratiche aperte da sbrigare?

migliorare uso email

È inutile cercare più tempo quando già lo stai buttando a piene mani senza nemmeno accorgerti

Partecipa al seminario gratuito e impara subito i 3 passi fondamentali per riportare sotto controllo la gestione della email dentro alla tua azienda e ottenere quasi-instantaneamente decine di ore in più al mese a costo zero.

Ti aspetto!

P.S. Se hai qualche domanda o curiosità sul tema raccontami tutto nei commenti qui sotto. Cosa ti fa arrabbiare di più riguardo alla posta elettronica, per esempio?

Post Consigliati

Come fare il pieno di energia quando ti senti stan... Essere imprenditori è faticoso... o no? È giusto sentirsi esauriti alla fine della giornata... o no? Essere KO e svuotati già nel primo pomeriggio è normale... o no? Sono domande interessanti a...
Passaparola: il modo più rapido e sicuro per trova... Conosci gli strumenti del MARKETING RELAZIONALE per trovare nuovi clienti qualificati senza dover impazzire e a costo zero? Lascia che ti dia un suggerimento... Stringi stringi si tratta...
Come creare una campagna Facebook Ads in poco temp... Ho intervistato Massimo Chieruzzi, CEO di AdEspresso, una start-up italiana (ora parte del gruppo di Hootsuite) che fattura oltre 95% fuori dallo stivale grazie ad una piattaforma superlativa per crea...

Un commento su “Studio Shock: 30 ore alla settimana per controllare l’email”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *